Convincere il tuo capo a farti lavorare da casa

Convincere il tuo capo a farti lavorare da casa

Non sarebbe bello non dover più affrontare di nuovo il tragitto mattutino? Pranzare a metà giornata nella vostra cucina? Avere un po’ più di flessibilità nella vostra giornata, in modo da poter avere un migliore equilibrio tra lavoro e vita?

Le persone che lavorano da casa hanno questo ed altri vantaggi. Alcune ricerche ricerca hanno rivelato che i datori di lavoro beneficiano anche di questo tipo di impiego. Con il progresso di internet, della tecnologia e del lavoro online, è facile avere la sensazione di trovarsi in un ufficio pur non avendone uno. Ciononostante, molte persone hanno paura di parlare con i loro capi della possibilità di lavorare a casa, spesso perché non ne vengono compresi i vantaggi.

Alcuni sondaggi hanno rilevato che il 75% dei lavoratori ritiene che la flessibilità sia la caratteristica più importante di un lavoro ed il 50% che la flessibilità sia importante per i loro impiegati. In altre parole, il vostro datore di lavoro potrebbe non pensare alla possibilità di farvi lavorare da casa, quindi è necessario parlargli e chiedergli se è qualcosa che pensa possa essere utile.

Per aumentare le vostre possibilità di convincere il vostro boss, seguite questi consigli.

Punto 1: fai i tuoi compiti

Prima di parlare al tuo capo della possibilità di guadagnare da casa, è importante fare qualche ricerca. Cerca di scoprire se c’è qualche altra persona nella tua azienda che già lavora da casa e cerca di scoprire il più possibile su cosa fanno e come lo fanno. Scopri anche se usano un certo software che possa facilitare le cose. In questo modo potrai dire al tuo capo quali possibilità ci sono, quali sono utilizzate e quali potresti usare per svolgere con profitto i tuoi compiti.

Se vuoi diventare il primo dipendente a lavorare da casa, stampa del materiale sull’argomento. Controlla anche qualche soluzione di accesso remoto come GoToMyPC e LogMeIn per spiegare il loro funzionamento e come possono aiutarti a lavorare da casa.

Al giorno d’oggi non esistono solo i lavori come freelancer per guadagnare da casa. Anche le persone che lavorano per un’azienda possono ottenere maggiore flessibilità e la possibilità di lavorare da casa per qualche giorno al mese. Prova a parlarne con il tuo capo, mettendo in evidenza i numeri di questo fenomeno.

Punto 2: evidenzia i benefici

Quando sarai pronto a parlare con il tuo capo, è importante sottolineare i vantaggi per l’azienda di avere una persona che lavora da casa, non concentratevi sul motivo per cui lo si vuole fare. I vantaggi per te sono abbastanza facili da capire, ciò che il tuo capo ha meno probabilità di capire è che ci sono anche vantaggi per l’azienda. Ecco alcuni dei vantaggi per il datore di lavoro:

1. Aumento della produttività

Alcune ricerche suggeriscono che il telelavoro è più produttivo rispetto al lavoro in ufficio. Uno studio, in particolare, ha mostrato un aumento medio della produttività del 13% nei dipendenti di un’agenzia di viaggi che lavoravano da casa, dedicando più minuti all’attività con meno tempi morti e meno distrazioni. Puoi spiegare al tuo capo che il tuo ambiente casalingo ti farà concentrare di più sul lavoro e magari farti lavorare più tempo.

2. Riduzione dei costi

Molte aziende stanno commutando al telelavoro per risparmiare maggiormente sulle spese. Aetna ne è un esempio. Questa compagnia di assicurazioni permette al 50% dei suoi dipendenti di lavorare da casa, risparmiando 78 milioni di dollari di costi operativi, affitti, spese di pulizia ecc. Lavorare da casa potrebbe far risparmiare anche alla tua azienda, se la produttività è la stessa o addirittura se è più alta.

3. Meno lavoro con completato

Diversi studi hanno confermato che i dipendenti che lavorano da casa hanno meno probabilità di licenziarsi rispetto agli altri. Questo punto può essere usato quando parlerai con il tuo capo, spiegandogli che potrai lavorare anche quando sei malato o durante un’epidemia. Se hai famiglia, potrai anche fargli notare che in questo modo potrai gestire una situazione di emergenza senza che questo influisca sulla tua capacità di portare a termine un lavoro a differenza di quanto succederebbe se dovessi recarti in ufficio.

4. Minore tasso di turnover

Minimizzare il turnover è un fattore di estrema importanza per le aziende, potresti spiegare al tuo capo che il telelavoro può aumentare la  soddisfazione e ridurre le percentuali di turnover. Dovrai fare attenzione a non fare passare un messaggio del tipo “mi dimetto se non potrà lavorare da casa”, a meno che questo non sia il tuo piano. Cerca piuttosto di far passare la cosa come una prova per vedere come funziona il telelavoro. In futuro, il programma potrebbe essere ampliato e coinvolgere altre persone, cosa che col tempo potrebbe ridurre il turnover. Puoi anche evidenziare il fatto che chi lavora da casa è spesso più soddisfatto lavorativamente rispetto a chi non lo fa.

5. Sostenibilità

Oggi molte aziende adottano politiche di sostenibilità, sia per il bene del pianeta e per la loro reputazione. Se il tuo datore di lavoro sta implementando politiche e procedure che riflettono il desiderio di rendere l’azienda più green, potrai dirgli che il telelavoro costituisce un’ulteriore mossa in quella direzione. Chi lavora da casa non usa carburanti fossili, con conseguente riduzione delle emissioni di anidride carbonica dirette e indirette sostenute dalle imprese. Inoltre, se l’azienda grazie a questo può diminuire le dimensioni delle proprie sedi, il datore di lavoro risparmierà ulteriore energia e acqua.

Punto 3: Fate una proposta concreta

Se vuoi che il tuo capo ti permetta di lavorare da casa, è necessario presentargli un piano ben strutturato nel quale spieghi anche come la soluzione possa funzionare. Metti tutto per iscritto, in modo che il tuo capo lo possa studiare e rileggere più volte. Nel tuo piano includi le seguenti informazioni:

  • Quali giorni pensi di lavorare da casa (tutti i giorni? 3 giorni la settimana…)
  • Quando ti presenterai in ufficio (tutti i lunedì? Per le riunioni? Per gli appuntamenti con i clienti?)
  • Quali risorse ha l’azienda, che tu puoi usare (software? Computer? )
  • Indica cosa può essere acquistato per semplificare il telelavoro e assicurarti il successo e quali costi tutto questo avrebbe
  • Come gestirai vari aspetti del lavoro (collaborazione con i colleghi? Inoltre del lavoro completato…)

Assicurati che il piano sia ben scritto, senza errori di ortografia o di concetto. Hai solo una possibilità per fare una buona impressione al tuo capo su questo argomento.

Sii il più produttivo possibile e continuerai a lavorare da casa

Convincere il tuo capo a farti lavorare da casa

Anche se gli studi affermano che lavorando da casa si è più produttivi, è anche vero che a casa ci sono molte più tentazioni ed occasioni per distrarsi. Non necessariamente ci saranno orari prefissati, nessuno ti dirà che stai lavorando troppo poco, sei tu che sostanzialmente decidi il tuo ritmo lavorativo. Queste tentazioni portano alcune persone ad uccidere letteralmente la loro produttività, l’ultima cosa che si dovrebbe fare quando si lavora da casa.

Lavorare da casa non significa non far nulla, o istruirsi sui Bitcoin in orario di lavoro aziendale. Significa stare focalizzati sul lavoro che si intende svolgere.

Ci sono molti modi per aumentare la tua produttività lavorativa e per guadagnare soldi da casa. Dai un’occhiata a questi tre articoli su questo argomento:

Una volta letti questi articoli,dovresti essere perfettamente in grado di lavorare con profitto da casa.

In bocca al lupo per l’incontro con il boss!

Torna su